Ovunque tu sarai – Fioly Bocca

IMG_20150527_100456Un giorno realizzi che la vita che vivi non ti appartiene, che la donna che sei diventata non ti somiglia, che lui non è l’uomo con il quale costruire un futuro felice.

Come fai ad andare avanti? Ti rassegni alla vita che ti sei costruita o segui la tua vera natura?

Fioly Bocca, nel suo romanzo di esordio Ovunque tu sarai, ci prende per mano e ci accompagna nel viaggio attraverso il cuore di una donna.  E ci insegna che, in ogni caso, c’è sempre una via d’uscita.

Trentatré anni; un lavoro in un’agenzia letteraria che non la soddisfa, non l’appassiona; una madre malata di cancro; un fidanzato, Tancredi, che la trascura, completamente assorbito dal suo lavoro: è la vita di Anita, una donna estremamente abitudinaria.

Anita sa bene di essere intrappolata nella tela ordita dai tanti eventi che lei non ha mai avuto il coraggio di dominare.

Lo sa, ma non sa reagire.

Per tanto tempo vive in un limbo nel quale l’idea di una vita diversa si insinua lentamente e con insistenza nella sua mente, ma cerca di convincersi che la cosa migliore sia rassegnarsi ad una vita mediocre, perché si chiama Anita, e “Anita vuol dire graziosa. Graziosa è un contentino per chi non può avere di più”.

Invece, in un giorno come tanti, riceve una telefonata di suo padre che la informa del peggioramento dello stato di salute di sua madre Agnese: è questo il punto-di-non-ritorno, il momento nel quale la vita di Anita imboccherà il sentiero della consapevolezza e del coraggio.

Ritorna nella sua città d’origine, trascorre alcuni giorni con la sua famiglia e sul treno che la riporta a Torino, mentre è assorta nei suoi pensieri ed è sopraffatta dal dolore per le condizioni di salute di sua madre, il destino le mette di fronte due occhi italo-cambogiani che sanno guardarla davvero, che leggono i sentimenti della sua anima.

Sono gli occhi di Arun.

Arun è uno scrittore per bambini dal passato doloroso, un passato che lo ha reso estremamente sensibile alla sofferenza altrui.  L’incontro tra i due sarà decisivo e aiuterà Anita nella difficile impresa di ritrovare se stessa.

Un giorno Arun le dedica queste parole:

Anita, si può tutto. Liberati dal bagaglio di dolore che non puoi sopportare. Il tuo paracadute è troppo ingombrante, ti intralcia il passo, ti sbilancia. Devi disfartene se vuoi volare. Reclama quello che ti spetta, cammina nella direzione dei tuoi desideri profondi. Scegli tu, sempre. Pure quando sembra impossibile anche soltanto esprimere una preferenza. Decidi la strada per riuscire ogni sera ad addormentarti dentro te stessa. Coltiva l’anima luminosa che si intravede dagli spiragli che lasci aperti e poi lascia fare al vento: se gli parli con voce libera ti saprà portare”.

Le parole di Arun fanno breccia nel suo cuore ma, ancora una volta, Anita non si concede la possibilità di essere felice e tronca i rapporti con quel ragazzo straordinario.

Nelle e-mail che invia ogni sera a sua madre descrive i particolari di una vita felice: l’imminente matrimonio con Tancredi, l’uomo premuroso che si prende cura di lei; la gratificazione per un lavoro che la soddisfa; la certezza di un futuro sereno.

Ma sono parole amare, perché raccontano menzogne.

La morte di sua madre sarà l’amputazione più dolorosa della sua esistenza. E sarà proprio quel dolore che le consentirà di cogliere l’essenza della vita.

Recupererà il rapporto con Tancredi? O costruirà una nuova vita con Arun? Non posso svelarlo, ma vi invito a leggere assolutamente questo piccolo capolavoro!

Ovunque tu sarai è un inno alla speranza. E’ un romanzo semplice ma d’effetto, che scaturisce soprattutto dalla scelta minuziosa e particolarmente curata delle parole. La narrazione è scorrevole e delicata, arricchita da epiloghi di riflessioni sul futuro al termine di ogni capitolo. Le parole chiave di questo romanzo sono parole estremamente importanti e profonde: VITA, FAMIGLIA, FUTURO, SPERANZA. La sua vera forza non sta nella trama, ma nel percorso di crescita interiore di Anita, nel messaggio di positività che attraverso le sue riflessioni viene trasmesso ai lettori.

E’ un libro scritto da una donna per le donne. Per quelle donne, in particolare, che si lasciano vincere dagli eventi, dimenticandosi di vivere e di rendere onore a quel dono straordinario ed unico che è la vita.

Acquista online.

fioly-bocca-6K1ZGMPM

Fioly Bocca vive sulle colline del Monferrato ed è madre di due figli. Laureata in Lettere all’Università degli Studi di Torino, si è specializzata con un corso in redazione editoriale. Ovunque tu sarai è il suo romanzo d’esordio.

I commenti sono chiusi.